Вопросы.. Ответы..

Форум об изучении итальянского языка.

Модератор: mikka

Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#1

Сообщение RybakVictor »

Есть у меня один знакомый по переписке итальянец. Иногда я задаю ему вопросы про итальянский язык. И получаю от него неожиданно подробнейшие ответы. Такие ответы жалко оставлять без внимания. Буду публиковать их здесь, просто для памяти.
Их можно комментировать и разбирать по косточкам.
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#2

Сообщение RybakVictor »

Ho incontrato la frase: "Ma che specie di birbante!"
Allora, questo "birbante" e' una parola cattiva o familiare?
Maestrozironi пишет: birbante è una parola familiare...

Nessuno si offende se gli dici birbante. In genere si dice ai bambini che sono disobbedienti oppure fanno qualche cosa sbagliata non grave. Per capirsi se un bambino picchia un altro non gli dici birbante... se ha rubato due biscotti dalla dispensa gli dici birbante.

Per farla ancor più familiare ai bambini si dice anche birbantello... o birbantella...
Maestrozironi пишет: e detto questo me ne torno al lavoro... se ci sono ulteriori domande quando vi collegate scrivere che prima o poi leggo... ;)
Maestrozironi пишет: Eh... ho sbagliato a digitare... ovviamente era scrivete e non scrivere...
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#3

Сообщение RybakVictor »

Mi dica per favore: che differenza tra le parole "matrimonio" e "nozze"?
Capisco che "nozze" e' la festa, il giorno (e la notte bella!), pero "matrimonio" e' un stato dei due persone... Ho raggione?
Maestrozironi пишет:Matrimonio indica sia la cerimonia che l'istituto giuridico, nozze indica solo la cerimonia. Nozze etimologicamente non c'entra con la parola notte, deriva dalla parola latina "nuptiae" che significa per l'appunto nozze e si riferisce alla cerimonia degli antichi romani.

Nell'uso di tutti giorni gli italiani usano quasi sempre e solo la parola "matrimonio", nozze lo usiamo quasi solo quando si deve parlare in maniera solenne dicendo cose tipo "i due convolano a nozze!".
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#4

Сообщение RybakVictor »

Ho preso una fiaba. Leggo:
Il principe chiese: "Chi ha fatto quello, chi sta per essere impiccato?"
Gli rispondono: "Ha fatto la festa alla figlia del re."

(Significa "sedotto la figlia del re")

La mia domanda e' - perche "fare la festa alla donna" significa "sedurre la donna" ?
Maestrozironi пишет:Fare la festa è un po' più complicato.

In senso lato significa distruggere qualcosa, consumare qualcosa...

Come mai si dice così? Credo sia perchè nei tempi antichi quando eseguivano le esecuzioni capitali, le condanne a morte la gente accorreva a vedere come se si trattasse di una festa... allora fare la festa è passato a significare uccidere...

Nel caso della figlia del re anche se non conosco la storia suppongo che il tizio che sta per essere impiccato abbia fatto sesso con la figlia del re quindi trattandosi di storia probabilmente simil medievale si possa dire nella mentalità dell'epoca che l'abbia in qualche modo "rovinata"

Quindi ricapitolando se tu dici "ha fatto la festa a qualcuno" significa o realmente che qualcuno ha preparato una festa per qualcun'altro oppure che l'ha ucciso

Un altro uso della frase è riferito al cane... se dico "il cane gli ha fatto le feste" vuol dire che faceva quelle cose che fanno i cani felici quando torna il padrone, scodinzolare, saltellare etc...

Diverso invece è il caso della frase "l'ha conciato per le feste" ma questa te la spiego la prossima volta...
Grazie Maestro.
Mmm... Mi sembra, ho capito che significa "l'ha conciato per le feste"...
Maestrozironi пишет:ecco vedi... piano piano stai diventando un maestro :)
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#5

Сообщение RybakVictor »

Questa fabia che leggo.. E' un libro di modo "Facile da leggere in italiano! livello uno" --- UNO! Ma il dizionario contiene 1400 parole. Sono scioccato..
Maestrozironi пишет:L'italiano ha un sacco di parole... Siamo dei chiacchieroni... :)

Per esempio quando parlo in inglese loro hanno un sacco di verbi frasali... prendi un verbo ci metti una preposizione e significa una cosa ce ne metti un'altra e significa una seconda cosa...

In italiano una cosa del genere è inconcepibile. Per ogni concetto c'è la parola diversa fatta apposta...
Primula
Сообщения: 258
Зарегистрирован: 09 мар 2018, 11:14
Благодарил (а): 179 раз
Поблагодарили: 84 раза

#6

Сообщение Primula »

RybakVictor, интересная тема, спасибо)
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#7

Сообщение RybakVictor »

Adriano Celentano nella canzione "Azzurro" scriva:
non c’è il leone, chissà dov’è... ( Azzurro)

E' strano per me: quale leone? E' un giocattolo?
Maestrozironi пишет:Celentano prima dice che "cerca un po' d'africa in giardino". Più avanti aggiunge "come facevo da bambino". Questa frase indica che lui usciva in giardino da bambino e faceva finta, con la fantasia, di essere in africa. Mentre giocava facendo finta di essere in africa probabilmente immaginava di vedere i leoni che sono gli animali classici che un bambino immagina in africa insieme ad elefanti e zebre.

Ora è cresciuto ed il giardino è semplicemente un giardino allora si domanda con nostalgia... che fine avrà fatto il leone con cui giocavo quando ero piccolo?
Primula
Сообщения: 258
Зарегистрирован: 09 мар 2018, 11:14
Благодарил (а): 179 раз
Поблагодарили: 84 раза

#8

Сообщение Primula »

RybakVictor, это была первая итальянская песня, которую я перевела и поняла наконец-то, о чем она). Кто ее только не пел, но автор (и исполнитель) - Паоло Конте, совсем по-другому звучит, не как у Челентано.
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#9

Сообщение RybakVictor »

Интересный факт относительно итальянского слова "pomodoro" и его множественного числа:
(сохраняю язык оригинала, взято с Duolingo)
CivisRomanus пишет:The Italian language flows so much that sometimes words change. :-D
Up to the 1970s, the proper plural of pomodoro was pomidoro, being this originally a compound word (pomo + d'oro), in which the d'oro part remains invariable.

Pomodori was already common in the spoken language, but on labels or in commercials only the proper plural was used.
Then pomidoro fell into complete disuse in the spoken language, but it kept being featured on labels for quite some time, before becoming definitively obsolete.

This specimen from 2007 is probably one of the very last examples.
Изображение
За это сообщение автора RybakVictor поблагодарил:
Yety
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#10

Сообщение RybakVictor »

Интересное различие смыслов во фразах: Parlare a lui и Parlare con lui.
В русском языке, на мой взгляд, такие оттенки не выразить при помощи глагола "говорить".
(сохраняю язык оригинала, взято с Duolingo)
CivisRomanus пишет:Parlare a luiparlargli infers a one-way communication:
  • Io gli ho parlato. = I spoke to him. (I had something to tell him)

Parlare con lui (the clitic pronoun cannot be used) infers a two-way communication, i.e. a discussion:
  • Io ho parlato con lui del nuovo progetto. = I discussed with him / We spoke about the new project.
In some contexts this scheme may fit more loosely, but as a rule of thumb it works.
Аватара пользователя
Yety
Сообщения: 9130
Зарегистрирован: 28 фев 2018, 23:44
Благодарил (а): 2905 раз
Поблагодарили: 4652 раза

#11

Сообщение Yety »

RybakVictor пишет: 23 ноя 2018, 21:33 Интересное различие смыслов во фразах: Parlare a lui и Parlare con lui.
В русском языке, на мой взгляд, такие оттенки не выразить при помощи глагола "говорить".
Говорят), похожее различие ощущается в английских фразах to speak to sb vs to speak with sb.
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#12

Сообщение RybakVictor »

Порадовало меня, что говорят итальянцы - ну, прям как русские:

ZEUS: Me entiendes en español ?
Maestroziroli пишет:Lo spagnolo lo capisco perchè è simile all'italiano, parlare parlo solo inglese ed italiano.
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#13

Сообщение RybakVictor »

Из наших полуночных разговоров в чате...
(Скажу себе честно, я не всё понимаю из этого монолога*. Даже Google.translate не в состоянии перевести правильно. Но это настоящая живая итальянская речь, записанная им самим. Речь человека образованного (преподавателя, как я понял) и начитанного.

*Почему монолог? Потому что он пишет ночью, часа в три, в пять, наверное, сейчас работа такая. Или он в другом полушарии. А я отвечаю днём или вечером. Иногда в полночь мы пересекаемся.) Итак...

VIKTOR:
...Si, anch'io so questa regola (e' un tema della mia lezione). La dice: "... i verbi del movimento si usano con il verbo ausiliario: ESSERE, i verbi transitivi si usano con il verbo ausiliario: AVERE ...":
1) "sono andato" -> "sono dovuto andare"
2) "ho letto il libro" -> "ho dovuto leggere il libro"

Il mio problema era il verbo SCENDERE. Questo furbo verbo usa i DUE verbi ausiliari. Capisco, che posso dire:
1) io sono sceso al primo piano - > io sono dovuto scendere al piano terra;
2) ho sceso il mio divano al piano terra -> ho dovuto scendere il mio divano;

E' corretto???


LOLLETTO:
Nel tuo libro e' scritto: i verbi del movimento si usano con il verbo ausiliario: ESSERE

Quando tu ti porti fisicamente in un altro luogo compi questa azione con il verbo "essere":
- io sono a Bonn
- io sono andato a Bonn

Di stessa natura e' siamo passati vo avete compiuto l'azione di passare fisicamente vicino davanti qualcosa o attraverso qualcosa:
- e' esploso tutto e siamo passati attraverso un cunicolo delle acque piovane per uscire dall'incendio cosi' ci siamo salvati
- siamo passati davanti la vetrina ma i prezzi erano spaventosi
- siamo andati da Mario
- siamo stati bastonati
- siamo stati fermati (fisicamente si e' subito qualcosa)
- siamo andati con la macchina (fisicamente si e' stati trasportati con la macchina)
- siamo andati da soli (comunque ci si e' recati in altro luogo[altrove])
- non siamo ne qui ne li, ma anche non siamo disposti ad ascoltarti
- non siamo andati da Luisa
- siamo andati a cercare il libro senza trovarlo
- siamo stanchi di correre
- ci siamo recati a Milano

Per tornare a bomba.

- ho dovuto scendere il mio divano tal quale a seggiola che e' ammesso ma in generale si dice sedia
tu hai compiuto l'azione di portare qualcosa altrove, dunque
- ho portato il divano al piano terreno
- si prega di disporre gli oggetti per il ritiro al piano terreno
Parimenti ->
- si prega di portare l'oggetto del ritiro al piano terreno

cosi' non ti sbagli

(tornare a bomba= tornare all'inizio)

Ammesso fosse corretto dire:
- ho sceso il divano,
il divano non e' sceso da solo ma qualcuno lo ha portato quindi e' stato portato il divano giu' ecco perche' l'ausiliario se fosse corretto sarebbe diverso, e non e' detto che i napoletani usino questa forma derivante magari dal latino o dall'italiano antico che userebbe per queste azioni giustamente l'ausiliare corretto parimenti a:
- ho portato giu' il divano.

Potrei anche dire:
MARIO: Ho messo il divano di fuori al pianerottolo. Stamattina l'ho trovato giu' al piano terreno, e che e' sceso da solo ?
MARIA: Ma qualcuno lo avra' portato giu'?

Vedi se il divano scendesse da solo userebbe l'ausiliare "essere". Tale e quale a:
- ho messo il divano li ma essendo in bilico e' caduto di sotto
l'azione diretta di cadere di porsi fisicamente altrove usa "ESSERE":
- io sono sceso al primo piano - > sono dovuto scendere al piano terra;
- ho letto il libro -> ho dovuto leggere il libro;
Queste frasi bastano a capire come sia complessa la lingua.

Dimmi tu vorresti fare l'insegnante di Italiano ?

Se e' cosi' dovrai conoscere tutte queste frasi ed essere in grado di padroneggiarle per poterle comporre da solo. Altrimenti il consiglio che ti do:
> e' che non occorre saper comporre queste frasi mentre rimane solo necessario capirle quando le si incontrano, ma tu dovrai cercare di esprimerti in modo semplice e accontentarti da straniero di impararle poco a poco senza strafare, e in primo luogo cercare di consolidare cio' che gia' sai adoperandoti nel comporre frasi sempre piu' corrette e con meno errori con quello che sai, mano a mano le tue conoscenze, con la passione si incrementeranno ma devi dare tempo alla tua mente di acquisire e imparare le cose buone poco a poco, senza fare un minestrone.

Intanto scegliere sistemi semplici per comporre frasi corrette, l'italiano per quanto complesso permette anche la naturale esecuzione di frasi semplici e comprensibili, le altre regole piu' complesse acquisite ti serviranno solo a tradurre.
- less is better!

Nelle scuole italiane gli errori sono rossi e blu: errori gravi in blu quelli rossi errori minori.

A noi nelle scuole era proibito comporre frasi con due punti e virgola, e frasi al passato remoto eppure e' un verbo che esiste. Ma e' un verbo che pone infiniti problemi grammaticali allora vuoi fare il fico ? ok ma se poi sbagli ti metto 2 su 10:
- quando cossi codesto uovo mi accorsi che era marcio, quindi lo dovetti buttare;
- quando ho cotto questo uovo mi sono accorto che era marcio e l'ho buttato;
Quale delle forme e' piu' facile?
Dunque quando non strettamente necessario e' meglio non usare forme troppo difficili.

Oggi sono in grado di padroneggiare frasi anche con tre; e cinque incidentali scritte n modo corretto e comprensibile, ma:
1) Sono Italiano;
2) 40 anni aiutano ad avere l'esperienza anche di manipolare la lingua, che non puoi avere a 20 anni;
3) Ho una conoscenza lessicale superiore alla media degli italiani.

Eppure fidati che se uno puo' evitare di usare le forme troppo complesse puo' evitare di usare 3 ; all'interno di una frase, lascia i passati remoti scritti sui libri di grammatica e' sempre meglio quando scrivo a voi sovente mi devo correggere nell'evitare di usare parole difficili o modalità difficili di comporre frasi, che nella mia vita corrente a volte adopero, perché ciò che conta e' la naturalezza e la semplicità di come ci si esprime e in questo ambito la capacita' di essere efficaci nell'aiutare gli altri con consigli diretti e immediati.

Poi se uno vuole fare il fenomeno si iscrive al circolo dei latinisti per dar sfogo alla barocca aggettivazione in ridondanti frasi dagli scarni concetti che si stagliano altisonanti all'orecchio dell'ascoltatore, ardito nello sfoggiare terminologie al successivo responso...

E questo mio tempo n'e vano, rappresentando in se e' il mio aulico ma pratico regalo di Natale
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#14

Сообщение RybakVictor »

Are you alone? = Sei solo? or Sei da solo?

The second one expresses more that way of being without anybody else around;
in effect generally you make this distinction:
  • solo = person excluded or self-excluded from the company of others;
  • da solo = without other person around, in a place.
that is why sometimes you add Sei solo in casa/in ufficio ect?
Anyways in many other sentences too both of them are correct e.g. Mi piace stare a casa solo/da solo. (I like being at home alone), only in some cases clearly it could be better one rather than another. e.g. Mi sento solo qui! (I feel lonely here!) and not mi sento da solo!, because you're missing the company of someone.
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#15

Сообщение RybakVictor »

La vita è come la scaletta del pollaio - corta e piena di merda (c) Frase di Eduardo De Filippo

Io: Perchè non posso dire "scala di pollo"??

Maestroziroli: quando dici "scala di pollo" io sono portato a pensare che tu stia dicendo che hai una scala che è fatto come materiale con del pollo. Se avessi detto "scala del pollo" io avrei pensato che fosse una scala che appartiene al pollo ma visto che il pollo in genere non possiede scale si dice "scaletta" (perchè è piccolina) "del pollaio" (perchè fa parte della casa del pollo che è il pollaio).
Non è una regola fissa. Ad esempio se tu mi dici "la ruota del criceto" è del tutto corretto anche se tu potresti dirmi "mica l'ha comprata il criceto la ruota"... Ma nel caso del pollo boh... magari il pollo ispira meno fiducia del criceto e la "scaletta" la si da "al pollaio"... boh...
Изображение
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#16

Сообщение RybakVictor »

"Tre giorni della merla"

Узнал я тут совершенно неожиданно один прелюбопытнейший факт! Оказывается, последние три дня января (29, 30 и 31) в Италии называют "днями дрозда". Вернее, дроздихи - "I 3 giorni della Merla".
По традиции эти три дня считаются самыми холодными днями в году.
Вариантов происхождения этого названия - множество. Один из них мне рассказала Alphina:

===
Alphina: La leggenda più conosciuta che spiega il significato dei giorni della Merla è quella che parla dei merli e dell’Inverno. Si tratta di un’antica leggenda popolare, raccontata ai bambini di generazione in generazione, da un mondo contadino che nelle leggende trovava uno strumento per tramandare i segreti della natura e del suo ciclo.

Ecco la leggenda:
Dovete sapere che i merli, un tempo, avevano delle bellissime piume bianche e soffici. Durante il gelido inverno, raccoglievano nei loro nidi le provviste per sopravvivere al gelo, in modo da potersi rintanare al calduccio per tutto il mese di gennaio. Sarebbero usciti solo quando il sole fosse stato un poco più caldo e i primi ciuffi d’erba avessero fatto capolino tra i cumuli di neve.

Così, aspettarono fino al 28 di gennaio, poi uscirono. Le merle cominciarono a festeggiare, sbeffeggiando l’Inverno: anche quell’anno ce l’avevano fatta; il gelo, ai merli, non faceva più paura! Tutta questa allegria, però, fece infuriare l’inverno, che decise di dare una lezione a quegli uccelli troppo canterini: sulla terra calò un vento gelido, che ghiacciò la terra e i germogli insieme ad essa. Perfino i nidi dei merli furono spazzati via dal vento e dalla tormenta.

I merli, per sopravvivere al freddo, furono costretti a rintanarsi nei camini delle case. Lì, il calduccio li riscaldò e permise loro di resistere a quelle giornate. Solo a febbraio la tormenta si placò e i merli poterono riprendere il volo. La fuliggine dei camini, però, aveva annerito per sempre le loro piume bianche: fu così che i merli divennero neri, come li possiamo vedere oggi.
===

Altri ipotesi - Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
По-русски: Миланский вариант сказки о дрозде.

Изображение
Существуют также народные приметы - если эти три дня холодные, то весна будет ранней, если в эти дни было тепло, весна запоздает. Однако, метеорологическая статистика не подтверждает факт наибольших холодов в эти дни...
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#17

Сообщение RybakVictor »

Меня заинтересовало, в чём разница между "I'll be back" и "I will return"? Я не знаток английского, но полагаю, что на русский язык обе фразы переводятся одинаково.
А как их переводят итальянцы? Ведь есть же Terminator на итальянском языке!

Вопрос: Buonasera ragazzi.
Come potete tradurre nella lingua italiana la famosa frase di Schwarzenegger "I'll be back!" ? E come - la altra frase: "I will return!" ?
Che e' diferenza tra le due frasi?

Osvaldo пишет:Putroppo il mio inglese è troppo basico per poterti dare una risposta approfondita. Ma in italiano non abbiamo molte alternative per questa caso specifico "io ritornerò" . Forse si può utilizzare "io ricompariro", "io mi ripresentero" ma ritengo che sia molto forzate e non so se totalmente corrette grammaticalmente. L'ardua sentenza a qualche "luminare della Crusca"...
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#18

Сообщение RybakVictor »

Ciao ragazzi.
Non capisco perche la frase "colare a picco" significa "annegarsi, affondare"? Io capisco bene "colare" e "picco", ma queste parole insieme danno un risultato tanto improvviso... È strano.
Osvaldo, Italy пишет:Ciao Victor.

Posso immaginare che ti suona male...!
È un termine particolare che si usa per indicare solitamente una nave/barca /oggetto galleggiante , che affonda o per indicare una disfatta repentina ma incontrovertibile.

Es : gli affari hanno cominciato ad andare male e la ditta è colata a picco velocemente . chiudendo i battenti in men che non si dica
:)
Аватара пользователя
Delly
Администратор
Сообщения: 1928
Зарегистрирован: 28 фев 2018, 13:03
Благодарил (а): 62 раза
Поблагодарили: 287 раз

#19

Сообщение Delly »

Часть сообщений перенес в соседнюю тему Patatina (Итальянский язык)
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#20

Сообщение RybakVictor »

"Октябрята" по-итальянски..

Victor: Che tempo fa?
Maestroziroli: Oggi una bella giornata, cielo azzurro, sole....
Ieri pioveva :|
Però ad ottobre qui a Roma fa così. Ci sono queste giornate tipo estate in mezzo ad altre col cielo grigio...
La gente le chiama "le ottobrate". Le giornate estive d'ottobre.
Victor: "le ottobrate"? Ottimamente!
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#21

Сообщение RybakVictor »

Victor: perche la lingua italiana non vede una diferenza tra le parole (inglese) "scythe" e "sickle"? Si usano "falce" per queste due parole... E' strano!
Изображение
Изображение

Maestroziroli: comunque in italiano per la falce quella lunga usiamo falce... la falce quella piccola a mano usiamo falcetto...
non ci sono due parole differenti ma se hai il falcetto in mano e dici "passami la falce" vanno a cercare quella lunga tipo della morte...

ZEUS: tus compadres son muy peligrosos jajaja

Maestroziroli :)
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#22

Сообщение RybakVictor »

Victor: Che differenza tra le paroli "una frasca" e "un ramo"? Loro sembrano simile.

Maestroziroli: frasca è un ramo molto sottile e con le foglie attaccate tipo questo:
Изображение

Ramo invece è la parola generica per indicare appunto la parte della pianta che si divide dal tronco dell'albero.

Ramo lo puoi usare anche non riferendoti alla pianta per alcuni oggetti che si "dividono (si diramano)", ad esempio se un lago si divide in due tipo il lago di como le due parti che da un certo punto in poi si separano le chiami i "rami" del lago, se una materia che stai studiando si divide in due indirizzi diversi io posso chiederti "di quale ramo ti occupi?" e non voglio sapere nulla di piante o alberi, voglio sapere qual'è la parte di quella materia che studi o di cui ti occupi per lavoro.

Riguardo alla parola "frasca" una piccola curiosità ma SOLO romana. Intorno a Roma ci sono dei posti dove puoi mangiare che chiamiamo "fraschette" che sono dei posti dove anticamente ci si fermava a mangiare lungo le strade quando si viaggiava. Si chiamano così perchè mangiavi al tavolo ma sopra era tutto coperto con delle "frasche" per evitare il troppo sole o la pioggia.

Victor: Grazie Maestro!!! Grazie per la tua risposta dettagliata! Mi piace.

Maestroziroli: Se avete domande come al solito io "ogni tanto" passo e leggo... scrivete pure che "prima o poi" rispondo... :)
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#23

Сообщение RybakVictor »

Вот ведь интересная жизненная ситуация:
GinaR пишет:Domenica mattina Louisa [una figlia del mio capo] è stata nello studio dentistico mentre suo padre stava lavorando. Abbiamo chiacchierato un pochino e lei mi ha detto che suo padre le lava sempre i denti. Ho detto: "ma no, Louisa, non sei più un bebè, hai più di 8 anni! Puoi farlo da sola! Sarebbe la stessa cosa se tuo padre ti pulisse il sedere? "
Lei non ha risposto niente.
Ieri l'ho raccontato al capo, lui rideva e poi:
"Sì, quando siamo a casa pulisco sempre il SEDERE A Louisa quando ha fatto ......."

Sono rimasta in silenzio....
Resta solo da dire : ogni giorno si alza un stupido! O, Dio possiede un grande zoo.
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#24

Сообщение RybakVictor »

Victor:
Maestro, che differenza tra le parole: scellerato e mascalzone?
Capisco, che la prima - una persona chi potere ucidere un uomo, invece la seconda - una persona brutta ma comica, come Pulcinella.

Maestroziroli :
Mascalzone è una persona che si comporta in maniera disonesta, è sinonimo di farabutto (canaglia) ma non riguarda solo il fatto che tu non rispetti la legge ma anche la morale. Questo termine può essere usato anche in modo scherzoso ma dipende dal contesto, non è come birbante che quando lo dici già è ovvio che sia scherzoso.

Scellerato è sempre un qualcuno che compie atti malvagi e sempre non necessariamente o solo illeciti ma in questo caso noi lo usiamo in genere per quegli atti che consideriamo più gravi anche in relazione al modo in cui sono fatti.

Se uccido una persona sono un mascalzone, se faccio a pezzi il cadavere sono sicuramente un mascalzone ma puoi dirmi che sono "anche scellerato".

Questa connotazione del termine deriva dalla derivazione dal latino... "Scelerus" in latino è proprio il nome dei delitti quindi il termine scelerato deriva direttamente da delitto ed è "più forte" in riferimento alla gravità dell'atto che compi.

Mascalzone deriva invece da due parole garzone e maniscalco.
Quindi si tratta dell'aiutante del maniscalco (blacksmith).

Essendo il maniscalco in genere un popolano usare questo termine col tempo ha iniziato a significare persona volgare. Poi da persona volgare è diventato persona di dubbia moralità. Ed infine ora è diventato "disonesto".

Però proprio per il fatto che deriva dal garzone del maniscalco ha anche quel significato scherzoso quasi a dire che in fondo il garzone del maniscalco pur essendo popolano, un po' ignorante, un po' sgradevole... non è necessariamente cattivo...

E detto questo me ne torno al lavoro... :)
Аватара пользователя
RybakVictor
Сообщения: 196
Зарегистрирован: 11 май 2018, 02:30
Благодарил (а): 12 раз
Поблагодарили: 67 раз

#25

Сообщение RybakVictor »

Вот еще интересный ответ, такое даже не знаю, где ещё можно узнать:

Victor:
Che strane due parole: "fioco" e "fiocco"! Quale è la differenza nella pronuncia? Cosa significa la frase "Sei un avvocato con i fiocchi"?

Maestroziroli:
Fioco e fiocco sono due parole del tutto diverse. "fioco" è un aggettivo e significa "weak" riferito ad esempio ad un fuoco o ad una luce. Fiocco significa "ribbon".

Sul perchè si dice "con i fiocchi" per dire "ben fatto" l'origine è discussa. La versione che mi pare più verosimile è che si riferisca al fatto che sulle navi a vela anticamente c'erano solo le vele quadrate, per farle andare anche controvento hanno aggiunto quelle triangolari. Queste vele in italiano si chiamano fiocco e controfiocco. Una volta che una nave ha la vela quadrata per andare nel senso del vento e quelle triangolari per andare contro vento la sua configurazione è perfetta, può navigare in qualsiasi condizione.

Se ti dico "sei uno scrittore coi fiocchi" vuol dire che sai scrivere benissimo come la nave che con i fiocchi naviga perfettamente.

Le altre spiegazioni che si danno di solito si riferiscono al fatto che quando inauguri qualcosa o vuoi fare una cerimonia con solennità in genere si usano nastri e fiocchi per decorare la sala.

Quindi "fare una cosa con i fiocchi" significherebbe farla "in grande" e quindi si presume farla "bene".

Victor:
Grazie Maestro per la spiegazione dettagliata.
Ответить

Вернуться в «Итальянский язык»